La buona dispensa

I legumi in scatola, tanti buoni motivi per sceglierli

Legumi in scatola

I legumi in scatola sono fra gli alleati più preziosi della nostra cucina.

Buoni, nutrienti e versatili, possono essere utilizzati per creare un’infinità di piatti diversi. E, cosa non da poco, costano pochissimo, quindi ci permettono di mangiare sano con un notevole risparmio sulla spesa.

Questa loro economicità va anche oltre il prezzo d’acquisto. Non necessitando di ammollo e di cottura, infatti, i legumi in scatola ci fanno risparmiare moltissimo tempo: basta aprire la lattina, scolarli ed eccoli già pronti per arricchire velocemente zuppe, insalate e altri piatti golosi.

Per non parlare del risparmio energetico, visto che per cuocere i legumi secchi occorrono solitamente un paio d’ore.

E allora? Non facciamone mai mancare una buona scorta in dispensa! Trovarli è facilissimo. Li si può reperire ovunque, dalla piccola rivendita sotto casa all’hard discount, dal negozio di alimenti vegan fino al supermercato on line con consegna a domicilio.

Ragazza che sceglie i legumi in scatola al supermercato.

I legumi: perchè fanno bene?

I legumi sono alimenti di origine vegetale appartenenti alla famiglia delle leguminose.

In commercio sono disponibili sia secchi che già cotti (in scatola ma anche in altre versioni, come le zuppe già pronte liofilizzate o surgelate).

Secondo alcune scuole di pensiero, i legumi pronti sarebbero meno nutrienti rispetto a quelli secchi. Recenti studi, però, hanno dimostrato che i valori nutrizionali sarebbero sostanzialmente gli stessi in entrambi i casi.

Tra i legumi più diffusi nei nostri supermercati ci sono le lenticchie, i ceci, i fagioli cannellini e i fagioli borlotti. Indipendentemente dalle differenze di gusto, aspetto e consistenza, tutti questi alimenti sono accomunati da una ricchezza nutrizionale davvero straordinaria. I legumi, infatti:

  • sono una fonte di proteine vegetali, utili per integrare o sostituire le proteine animali, soprattutto nelle diete vegetariane e vegane;
  • sono un’importante fonte di ferro, minerale essenziale per la formazione dei globuli rossi e il trasporto dell’ossigeno. Quello apportato dai legumi è ferro “non eme”, cioè una forma di ferro vegetale che deve essere convertita dal corpo in una forma più assimilabile e che, per poter essere assorbita in maniera ottimale, deve essere abbinata a fonti di vitamina C, come agrumi, kiwi, peperoni, pomodori, ecc.
  • contengono magnesio, zinco, calcio, potassio e fosforo, minerali essenziali nello svolgimento delle funzioni metaboliche e nella salute di ossa, muscoli e sistema nervoso.
  • vantano tenori apprezzabili di tiamina, riboflavina, niacina, acido folico e vitamina B6, ovvero di quelle vitamine del gruppo B che partecipano a molte reazioni enzimatiche, alla produzione di energia e alla sintesi dei neurotrasmettitori;
  • hanno qualità antiossidanti grazie al loro apporto di fitosteroli, flavonoidi e saponini: proteggono quindi da stress ossidativo, infiammazioni, tumori e malattie cardiovascolari;
  • stimolano la produzione di serotonina, e sono quindi molto utili per combattere lo stress e migliorare l’umore;
  • infine sono ricchi di fibre, che favoriscono la regolarità intestinale, il senso di sazietà e il controllo della glicemia.
Legumi in scatola, alleati della cucina sana e veloce.

Il fattore digeribilità

Quando sono i legumi sono secchi, per renderli più digeribili si raccomanda sempre l’ammollo prima di cucinarli. I legumi in scatola consentono di saltare questo passaggio, ma possono, nondimeno, dare qualche problema digestivo (la formazione di gas intestinali, soprattutto) alle persone più sensibili. Aggiungere erbe aromatiche digestive come l’alloro o il finocchio, in questi casi, può sicuramente aiutare, con effetti molto positivi anche sul sapore.

Donelle🌼

(foto bing)